Quello che non dovreste mai chiedere

Ho ricevuto una mail simpatica da parte di un potenziale uomo con il mestruo. Potenziale perchè, dal tono della lettera, ho evinto che non potesse avere più di 17 anni. Dunque è in tempo per una repentina redenzione nella quale, tuttavia, non ripongo particolari speranze. In ogni caso, si poneva dei quesiti che molto mi hanno fatto ragionare sull’ignoranza abissale che ruota intorno alla conoscenza dell’universo femminile. Il motivo delle sue domande era collegato alla tragica fine della sua relazione. Pare che in intimità le cose non andassero poi un granchè. Quindi, prima mi ha fatto presente che la colpa era senz’altro della ragazza, poi ha deciso di chiarirsi alcuni dubbi. Il che significa che, molto probabilmente, in una possibile gara di inesperienza lui ha vinto a mani basse. Prendo comunque spunto da lui per riflettere con voi.

Si deve chiedere “Ti è piaciuto?”

Dunque, io non vorrei risultare antipatica, ma non state offrendo un piatto di pasta. E, da un punto di vista di mera strategia, sarebbe meglio che certe domande rimanessero senza risposta. Anzi, sarebbe proprio il caso di non formularle. Questo mi fa pensare, con un certo orrore causato dal senno di poi, al primo incontro del terzo tipo avuto col Baudelaire dei poveri. Quello che voleva morire e che, tuttavia, non è morto. Tra una geremiade e un pianto greco, ad un certo punto si è ricordato di avere degli ormoni. Mi mette a parte della notizia e, in un modo o nell’altro, pianifichiamo la faccenda. Già l’utilizzo della parola “pianificazione” è indicativa dell’entusiasmo col quale io mi stavo approcciando alla questione. Ho dei ricordi un po’ vaghi di quello che è successo dopo. Ringrazio per la memoria a breve raggio. Sta di fatto che non ero molto convinta che quello che era accaduto potesse essere classificato come uno dei più grandi piaceri della vita. Tutt’altro. Lui era in preda ad un’esaltazione demoniaca. E mi chiede, per l’appunto “Ti è piaciuto?”. Rispondo di si, pensando “No. E non accadrà mai più.” Il timore che ricominciasse a fracassarmi le balle con le storie del suo imminente suicidio mi ha portato a mentire spudoratamente. Le volte successive non sono state migliori. E sono state sempre seguite dalla fatidica domanda. Avendo peraltro scoperto la sua brutta tendenza a vantarsi con circa il 90% delle nostre conoscenze delle sue grandissime doti amatorie, ho deciso di prendere una solenne decisione. “Ti è piaciuto?” “No.” “Questa vita non ha senso” “E dunque vuoi morire?” Tutto nella norma. Non chiedete nulla. Per carità. Le cose si fanno in due e, quando vi rendete conto che la prestazione è stata scarsa, evitate di cercare per forza la menzogna del vostro partner. Perchè, salvo che non siate dei Baudelaire dei poveri anche voi, le volte successive potrebbero notevolmente più soddisfacenti.

A questo, si ricollega un altro interrogativo. “Come lo trovo il punto G?” Ma che domanda è? E’ inutile che diventiate scemi a cercare invano. Esiste un unico punto G. Quello che si trova alla fine della parola “Shopping”.

Lady B.

Annunci

4 responses to “Quello che non dovreste mai chiedere

  • Daniel's Jack

    Non bisogna MAI chiedere se le è piaciuto, e neanche chiederle il punto G….neanche chiedere il sesso….non devi chiedere nulla, perché tanto hai torto! e se non chiedi…hai torto il doppio!!! E in qualche modo la pagherai! Sia nel torto che…

  • riccardo

    premesso che trovo simpatico che un ragazzo di 17 anni chieda consiglio ad una Lady sul giusto modo di agire con una donna, anche io l’ho fatto tante volte e fortunatamente ho una vera migliore amica con cui mi sono confrontato più diuna volta. all’alba dei 30 anni ho capito però una cosa: non bisogna relazionarsi ad una donna ragionando come loro, anzi bisogna essere se stessi (e uomini).
    Chiedere ad una donna “ti è piaciuto?” è un’implicita ammissione di insicurezza e questo non giova mai a nessun rapporto con l’altro sesso.
    Quindi cari ragazzi, siate voi stessi, godete dei vostri incontri amorosi per primi e lei vi seguirà…in fondo il sesso è “il più grande piacere della vita.

  • Daniel's Jack

    …tanto sarete sempre dalla parte del torto :D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: