Scintille e magagne

Finalmente, dopo giorni di calma surreale, è tornato alla ribalta l’uomo con il mestruo.

Iniziavo a temere che si fossero estinti ma, fortunatamente, ho avuto la conferma che il mondo continua ad andare uno schifo e che loro sono presenti in modo massiccio. Non è un mio uomo con il mestruo, in effetti, perchè attualmente, volendo fare una colorita comparazione, la mia vita sentimentale è meno intensa di quella di un salmone in fase di risalita delle correnti.

Tuttavia, prendo sempre a cuore le disgrazie delle mie signorine e dunque vi riporto questa triste storia.

La storia de “La vittima delle circostanze”.

Lui e lei si conoscono attraverso amici comuni. La più classica delle situazioni. Lui, ovviamente, si innamora subito. Ci deve essere uno strano virus nell’aria: basta che un uomo si trovi nei paraggi di una donna per 6 minuti consecutivi e, sembrerebbe, se ne innamora perdutamente. Non può proprio più fare a meno di lei. Visto che poi noi donne, ad un certo punto, decidiamo con coscienza di diventare delle deprecabili mentecatte, cadiamo in questo giochetto balordo e crediamo fermamente a tutte le sviolinate che ci vengono propinate. Non importa se una è premio Nobel in astrofisica: mettetele accanto un troglodita ripulito che le fa due moine, e diventerà sveglia e sagace come un’ameba nel brodo primordiale. Dunque lui che la ama. Lui che le chiede di uscire continuamente. Lui che vuole farla conoscere a tutti i suoi amici perchè lei è una tipa giusta. Lui che va all’estero in vacanza e passa il suo tempo al cellulare, a mandare sms a lei. Lui che non vede l’ora che arrivi il week end per organizzare romantiche cene a casa a base di pesce e champagne. Ammazza, penserete. Ma dove li producono degli esserini così a modo? Da nessuna parte, non preoccupatevi. Infatti, dopo queste sperticate gesta, che hanno fatto cuocere lei a fuoco manco troppo lento, esce fuori il magagnone. Gigante. Lui va un fine settimana fuori in un paesetto sperduto dell’Italia centrale. Brutto, un paesetto brutto. Dove, al massimo, si possono contare le palline di pitosforo sui rami secchi. E sparisce. Lei, giustamente, un po’ si preoccupa: sia mai che sia stato fagocitato da un orso? Lui torna e lei chiede di uscire. Ora, immaginatevi le dinamiche come le immaginerebbero delle persone mediamente equilibrate. Lui fino a un giorno e mezzo prima, era innamorato. Le chiede di uscire e lei si addobba come un albero di Natale. Tutta fronzoletti, si presenta da lui. Che le dice: “Mi dispiace, non è scattata la scintilla, non possiamo più frequentarci.” Io, che sono una lingua biforcuta, gli avrei suggerito di prendere un accendino e di far accendere scintille in posti innominabili. Salvo poi farsi un clistere di butano, che mette sempre allegria. Lei invece incassa, torna a casa e, mentre si toglie i fronzoletti, nota che lui sta sotto la sua finestra, scuotendo mestamente il capo. La domanda è una sola: perchè lei non gli ha rovesciato un pentolone di olio bollente in testa? La risposta è che, purtroppo, pare sia contro il codice penale.

Mi sono chiesta che diavolo significasse un atteggiamento del genere. E sono approdata a questa conclusione. Niente, non significa niente. Vuol dire solo che, come al solito, si fa un uso e un abuso delle parole. E non è sufficiente poi cercare di arginare i danni, attribuendo tutte le colpe a circostanze inesistenti. Quindi, cari uomini col mestruo, se a un certo punto vi accorgete che la situazione si sta facendo troppo seria, troppo coinvolgente, non inventatevi che Vishnù vi ha resi immuni al sentimento amoroso o, addirittura, ha provocato l’essiccazione repentina delle vostre pudenda. Vorrei darvi qualche piccola regola di comportamento ma non mi viene in mente nulla che si possa dire in pubblico. Pertanto, in circostanze del genere, datevi fuoco. Sarete pieni di scintille.

Fronzolosamente vostra,

Lady B.

Annunci

5 responses to “Scintille e magagne

  • haaimizu

    “Non è scattata la scintilla, non ho sentito quell’alchimia speciale che cerco”. Dopo 4 giorni passati appiccicati uno all’altra avrei dovuto appicciargli il fuoco addosso…a proposito di scintille!!! E invece il mio cervellino ridotto a poltiglia da un amore fulminante mi ha fatto pensare di appicciarlo a me, il fuoco…
    Un bel racconto utile a tutte quelle che, come me, credono alle troppe parole che si dicono.

  • marika

    al paesello aveva la paesanotta che lo attende filando la calzetta? o è scemo e basta?

  • Bricolage

    Di certo l’uomo è una categoria – se mai fosse esistita – ormai estinta.
    Concordo con te su tutta la linea.
    Soprattutto dopo aver vissuto situazioni del genere e si parla per esperienza vissuta.

  • gattaliquirizia

    la cosa da ridere è che queste poltiglie di cellule di sesso maschile poi finiscono per farsi acchiappare tipo carta moschicida dalle cagne peggiori in circolazione. quelle che flirtano con qualsiasi paio di pantaloni capiti nel loro raggio visivo. e com’è giusto che sia, le poltiglie di cellule di cui sopra vengono asfaltate emotivamente come hanno fatto con noi.

    • haaimizu

      Vero: nella gara dell’asfaltamento emotivo c’è un po’ di risarcimento per chi ha subito per primo. Sarà poca cosa, ma è qualcosa.
      PS: io farei volentieri l’accalappiacani…anzi cagne. E gattemorte. Le rinchiuderei in una stanza senza uomini (la peggiore punizione per chi non riesce proprio a risparmiarsi moine, ciglia finte e lacrimucce facili)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: