Er Tenia. Il lato endoparassitario dell’amore.

Devo assolutamente fare un po’ di sana mente locale. Anzi, mi sono chiesta se non fosse necessaria addirittura della sana autocritica. Sapete, no, quei processi in base ai quali si scava dentro se stessi con un piccone nel tentativo di capire se ci sia qualcosa di particolarmente sbagliato nel modo di comportarsi o, peggio ancora, nel modo di essere. Quindi, ho preso il mio piccone, sono entrata a passo deciso nella miniera di me stessa e ho iniziato a dare dei colpi bene assestati all’immagine che avevo di me. Poi mi sono fermata a pensare.

Qual’è il confine tra il giusto mettersi in gioco e il prendersi gioco di sè?

Ultimamente mi sono trovata di fronte a delle situazioni paradossali. Una sorta di esegesi dello squallore che poi ha fatto in modo che la persona sbagliata costringesse se stessa a sottoporsi a dei meccanismi di revisione del proprio essere tremendi.

Andiamo con ordine.

Parlo con X, una ragazza che obiettivamente ha tutto in regola. Ha una casa, ha un lavoro, ha diversi interessi e poi ha un problema di rilievo. Il compagno. Il quale, non rendendosi conto di essere un miracolato (vive a scrocco a casa di lei, non lavora e si sente anche artista), decide di “vivere la vita a 360 gradi”. Questa frase, non inserita in un contesto logico, è senza senso. Alle volte, sarebbe meglio non farsi delle domande delle quali non vorremmo conoscere le risposte. X però è razionalista, lei vuole sapere cosa diavolo combini questo endoparassita, che per comodità esplicativa chiameremo amichevolmente Er Tenia.

Er Tenia, mentre lei lavora e cerca di portare a casa uno stipendio che consenta il mantenimento di entrambi, va a mignotte. E va a mignotte perchè un suo amico, artista come lui e che chiameremo in amicizia Er Piattola, è stato molto chiaro in proposito: se non vai mignotte o a trans, non sei in grado di comprendere l’arte. Er Piattola, artista estremo, va a trans. Senza dirlo alla donna, ovviamente che, essendo un’immatura ragazzina, non approverebbe. Insomma, anche Er Tenia, uomo dalle preclare doti, va a mignotte furtivamente. Tuttavia, quando X lo scopre e, egoisticamente, se ne risente al punto da buttarlo fuori di casa, lui cambia idea sul concetto di arte e di sincerità. Si, ecco, visto che c’è le confessa anche quei 5 o 6 tradimenti fatti in un “momento di debolezza”, pensando in questo modo di dare una sterzata in positivo al rapporto. Mancava giusto che le dicesse che, nottetempo, aveva organizzato un baccanale con tutte le cugine di X. Sempre in grande amicizia, intendiamoci. Quando X mi racconta di questa faccenda, mi sento raggelare. Mi vengono in mente parole come “umiliazione”, “sfiducia”, “angoscia”, “tristezza”, “amarezza”, “omicidio intenzionale aggravato da crudeltà”. Insomma, tutte cose che, abbinate alla parola “amore” stonano un po’. X, in tutto questo, è in fase di “esame di coscienza”. Ovvero si chiede cosa abbia sbagliato, cosa ci sia di sbagliato in lei. Considerando che Er Tenia, sempre in nome dell’arte, al momento starà inserendo la sua estremità principale nell’obliteratrice del treno, mi sento di dire a X che lei non ha commesso alcun errore. Anzi, forse, ne ha commesso solo uno. Non ha dato a Er Tenia la possibilità di cambiare mestiere e di trasformarsi in un novello Farinelli.

Mentre penso a questa storia, mi chiedo se io, in questo momento della mia vita, mi stia mettendo in gioco o mi stia signorilmente prendendo per il culo. E me lo chiedo mentre ho ancora in mano il piccone dell’autocritica. Se solo avessi consentito a me stessa di dare un’altra piccola botta al mio ego, addossandomi responsabilità su cui c’era scritto il nome di qualcun’altro, avrei perso ogni credibilità di fronte ai miei occhi. E visto che con i miei occhi mi ci devo guardare allo specchio tutti i giorni, ho preso il piccone, l’autocritica e tutte le stronzate che stavo cercando di far passare per buone e le ho mandate in un posto affollatissimo. Per il quale, generalmente, si fa un biglietto di sola andata.

Antiparassitariamente vostra,

Lady B.

Annunci

3 responses to “Er Tenia. Il lato endoparassitario dell’amore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: