L’ (In)distinto. Storie di porno di quarta categoria.

Il fatto che il mondo sia così variegato è sempre una fonte inesauribile di gioia.

Ho parlato rapidamente con V. oggi. V. è una mia carissima amica. Ci accomunano moltissime cose, tra cui la sinistra propensione ad imbatterci in situazioni al limite del paradosso. E’ dalla terza elementare che facciamo incontri singolari. Prima, data la giovane, rimanevamo sconvolte e ci chiedevamo se il mondo funzionasse davvero così. Ora accettiamo con serafica rassegnazione ciò che il fato decide di spargere a piene mani lungo il nostro cammino.

V. lavora in un posto che, per comodità esplicativa, definiremo il Tugurio. Privo di finestre, si tratta di un ufficio dove si accumula moltissima polvere, illuminato da un unico neon che francamente ricorda quello degli ospedali di veterosovietica memoria. Ah, dimenticavo. Il Tugurio è privo di riscaldamento. Deve essere un modo originale per abbattere i costi. Nessuno, nemmeno V., ha ben chiara la natura del suo lavoro. Ciononostante, per quanto possibile, si impegna nel mandarlo avanti.

Ci sono degli inspiegabili momenti morti nelle sue giornate. Più che momenti, si tratta di ore di vuoto cosmico in cui lei, non sapendo come fare per evitare l’abbrutimento, si mette a leggere. Oggi la sua giornata ha conosciuto un lieto diversivo.

Suonano alla porta e la signorina V. va ad aprire. Le si para innanzi un (in)distinto signore sulla quarantina. Bruttino e piuttosto scialbo. Chiede di parlare col capo ma il capo, ahimè, non c’è. Dunque, ben deciso a mantenere il punto, l’Indistinto le fa presente che sarebbe rimasto lì ad attendere. La signorina V. non trova nulla da obiettare e se ne ritorna nel suo loculo, a leggere. L’Indistinto, dopo qualche minuto di giretti in anticamera, prende coraggio e entra nel loculo della signorina V. Disturbandola. La signorina V. sa che dovrebbe fare dell’amabile conversazione ma il suo sesto senso le fa capire che qualunque conversazione intrattenuta col tipo l’avrebbe portata a sentire storie parossistiche. Quindi opta per un certo volare basso. Lui esordisce con le solite banalità. “E’ da molto che lavora qui?” “Ha visto che brutta giornata” “Si stava meglio quando si stava peggio”. Poi la confessione. “Sa, io fino a qualche anno fa, facevo l’attore porno.” La signorina V. alza un sopracciglio, poi si limita a rispondere “Ah. Buon per lei”. “Sa, ora ho smesso”. riprende lui. “Dopo un po’…” “Capisco.” La signorina V. non può non chiedersi quanto durerà ancora questa conversazione ma, in effetti, si sente più in dovere di chiedersi dove esattamente la porterà. L’Indistinto si avvicina sornione e appoggia le sacre terga su una pila di fogli della signorina V. “Lei ha mai visto un porno?” “Si mi è capitato… scusi, quelli sarebbero i miei fogli le dispiacerebbe…ecco, grazie” “Che le è parso?” “Di che?” “Del porno”. “Mi sono addormentata, sa…l’intreccio non è che fosse troppo avvincente” “Bisogna saper vedere l’arte ovunque”. “Con tutto il rispetto per la categoria, non è che si stesse parlando di Bertolucci”. L’Indistinto è un po’ contrariato. Con buone probabilità riteneva che il Tugurio e la signorina V. potessero essere l’occasione per il rilancio della sua carriera. La polvere, i fogli, il neon veterosovietico…tutto fa ambiente alla fine. Dunque, in modo affettato, la saluta e se ne va.

Vorrei aggiungere una piccolissima postilla. Il fatto di essere dotati di un’estremità che si gonfia e si sgonfia a seconda delle circostanze, non vi rende necessariamente appetibili. Dunque, ogni tanto, sarebbe il caso che consideraste che anche il cervello è una zona erogena. Specie se all’attivo avete una carriera di attore porno fallito.

(In)distintamente vostra,

Lady B.

Annunci

One response to “L’ (In)distinto. Storie di porno di quarta categoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: