L’amore ai tempi del merluzzo

Ho commesso un’imperdonabile leggerezza.

Nel trambusto della mia vita quotidiana, ho dimenticato di annotare l’ultimo caso umano che mi si è parato innanzi. Un uomo con il mestruo di spessore.

Premessa essenziale. Quando vado a fare la spesa, sfoggio il mio look migliore. Pantaloni di vecchia tuta, possibilmente con un buco; magliettaccia delle medie con tutti i fili tirati; capelli alla Idra e niente trucco. E’ il Bidonville Style, consente di essere impeccabilmente inguardabili con il minimo sforzo. E dunque, vado a fare la spesa. Il mio fare la spesa poi è  un momento di catarsi perchè, nell’incertezza di cosa comprare, compro tutto.

Mentre mi trovavo di fronte ai surgelati, compare lui. “Devi comprare del merluzzo?” Un esordio da oscar. Lo guardo di sottecchi, cercando di capire se sia molto spiritoso o completamente deficiente. Propendo per la seconda ipotesi, che diventa presto un’amara certezza.  “Sai, ti osservavo da un po’ …sei veramente sexy.” Vecchio, sto in tuta, ho le valigie sotto agli occhi e bene che va ricordo un procione. Non rispondo e vado oltre, reparto verdura. “Sei di poche parole, eh…” “Non mi piace essere abbordata mentre ipotizzo l’acquisto di pesce surgelato” “Sai, appena ti ho vista, mi hai ricordato la fidanzata di Berlusconi. Io sono uno dei collaboratori del suo avvocato”. Sorride ammiccante. Sono confusa. “Gesù, perchè tra tante persone nel mondo, devo essere paragonata a una che ha fatto carriera slinguazzando un Calippo sulla spiaggia?” rispondo. [ndr. nessun riferimento erotico, guardate l’orrido video su youtube] Ride. “Sei proprio simpatica.” “Non era mia intenzione esserlo, ti assicuro”. “Sai , se ho imparato una cosa da lui, dal Cavaliere, è che l’uomo è a servizio della donna. Dimmi dove abiti e ti riporto a casa.” “No. Grazie.” “E se ti dicessi che sono un grande amatore?” “NO. GRAZIE.” “Figa di legno.” “Per te, pure di platino”. Scambio finale di ossequi ed amenità.

Carissimi, l’approccio davanti al merluzzo surgelato è già piuttosto triste. Cercate di non farlo diventare un momento luttuoso. Al supermercato, si fa la spesa. Per il resto, citofonate a Palazzo Grazioli ore pasti.

Lady B. [che non assomiglia a nessuno fuorchè a Woody Allen]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: