San Valentino e pompe funebri

Ci sono degli argomenti che portano il livello del tedio a una soglia ingestibile.

Che una ascolta il telegiornale la mattina e, alla fine, trova più utile leggere le controindicazioni derivanti dall’eccessiva ingestione del dentifricio.
Che una scorre i titoli delle rassegne stampa dei quotidiani e, alla fine, trova più interessante la campagna pubblicitaria di una semisconosciuta casa di pompe funebri (vedi immagine)
Che una, in preda alla disperazione, inizia a scorrere compulsivamente le home page di ogni social network e, alla fine, chiude tutto e si mette a fare collanine di grappette.

Sono due gli italici psicodrammi del giorno. Assolutamente non legati fra loro ma che rendono questo martedì noioso quanto un lunedì.

Alan Friedman, ormai su ogni quotidiano, e San Valentino, ormai su ogni home page dei social network.

Alan Friedman da’ sfoggio della dote di cronista d’assalto rivelandoci la scoperta dell’acqua calda. Ora, fa bene. Perchè se io fossi al suo posto e mi trovassi nell’incresciosa condizione di dover vendere un libro di cui persino il titolo produce effetti soporiferi, cercherei di rendere l’acqua calda la scoperta del millennio. Così Friedman, ci rivela che il Presidente della Repubblica ha il potere e la facoltà di investigare le disponibilità di personaggi di pubblico dominio ad assumere posizioni di responsabilità politica nel caso di crisi di governo.
Pur sforzandomi, non riesco a trovare lo scandalo. Salvo, per l’appunto, il solito pressappochismo di certuni che pur di vendere qualche copia in più, avvelenano un clima politico già purulento e con dei problemi incommensurabilmente più grossi.
E, dunque, mi annoio. Terribilmente.

E vado sui social network.
Dove non vedo altro che strali contro San Valentino che si contrappongono a frasi talmente melense da far venire il voltastomaco. Oltre che il diabete.
Al quinto “tanto moriremo tutti cornuti” che si affianca a un “-3 giorni <3 <3 <3" [quei segni sono la traduzione in linguaggio html dei cuoricini di facebook eh, non dei segnali lasciati dalle scie chimiche] la mia autosima si impenna poichè, invece di rosicare, come probabilmente sarebbe avvenuto qualche tempo fa, mi annoio. Terribilmente

E mi metto a scorrere con un certo piacere gli unici messaggi intelligenti che trovo online. Quelli della semisconosciuta impresa di pompe funebri.

Lady B.

manifestoTaffo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: