Sotto assedio!

Ci sono dei giorni che veramente uno si alza col piede sbagliato.

Quei giorni in cui passi la giornata babaa pensare a tutte le scelte che hai fatto, a quanto queste scelte siano rischiose. Quei giorni in cui prenderesti a roncolate sui denti buoni 3/4 degli esseri viventi e che solo un pretesto per attaccare la lite. Una lite qualsiasi, basta che comunque tu sia dalla parte giusta, altrimenti alle incazzature precedenti va sommata anche una figura di merda che ti costringe ad abbozzare. Quei giorni che poi capitano sempre di lunedì. Che a quel punto ti viene da pensare “nella prossima vita voglio rinascere parrucchiere, così il lunedì rimango chiusa nel mio antro a togliermi le doppie punte”. Quei giorni in cui ti chiedi perchè non ti sei fatta solo i cazzi tuoi e poi capisci che non te li sei fatti perchè era, per l’appunto, la giornata no. Quei giorni che dici “Oh, meno male che me ne sto andando a letto perchè non voglio più saperne”, chiudi la luce e ti addormenti.

Poi però alle 4.15 del mattino vieni svegliata da un rumore assordante e sei sicura che l’artiglieria stia facendo fuoco proprio in direzione di casa tua, anche se non sei in una zona di guerra. Allora apri gli occhi, sudata come una salamandra e ti metti a sedere sul letto cercando di capire che cavolo stia succedendo. Anche il tuo compagno si sveglia. Sudaticcio e appiccicoso. Quindi, tra una sospetta molotov e un temuto colpo di cannone, inizi a pensare che forse tenere tutte le stufette accese a palla e la porta chiusa (in funzione anti-gatto) non è stata una buona idea. “Ma cos’è questo rumore?” chiedi “Non so, temo che stia per saltare lo scaldabagno di casa” ti senti rispondere. “Ma come?” pensi “la giornata di merda non si è ancora conclusa?” Ti alzi di corsa, spegni tutto. Scaldabagni, stufette. Nel dubbio stacchi pure la lavatrice e, tornando a letto, pesti il gatto. Niente. La guerra è sempre più vicina. Anzi, un intero battaglione di marina è alle porte di casa, visto che ti sembra proprio di sentire distintamente il rumore di una tromba di nave “ROOOOOOOOOOO! ROOOOOOOOOOOO!” Poi il silenzio. Ma solo per pochi minuti. “ROOOOOOOOOOOOOOOO!!!!! ROOOOOOOOOOOOOO!”

Il tuo compagno si riaddormenta rumorosamente mentre tu, in piena crisi nervosa, cerchi di ammazzare tutte le pecore che conti augurandoti che a questo punto una granata vi colpisca quanto prima. Fino alle 6, comunque, rimani sotto attacco mentre il resto della casa, avendo le orecchie foderate di eternit, continua a dormire il sonno dei giusti.

E niente. Poi scopri che l’inquilino del primo piano si è fatto installare una nuova pompa per l’approvvigionamento dell’acqua il cui motore ricorda appunto quello di una nave anfibia. Non solo lo ha fatto installare ma, siccome siamo in India e succede sempre tutto e il contrario di tutto, ha deciso di testarlo alle 4.15 del mattino.

Visto che incazzarsi non serve, ti rimetti a letto. Tanto c’è quello del palazzo accanto proprio alle 9 del mattino sta sfondando il bagno a colpi di mazza proprio davanti alla finestra della tua camera da letto.

Ed è subito sera.

Lady B.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: