Il sugo dietetico

Causa gravità, che ha la brutta abitudine di spingere tutto verso il basso, mi sono iscritta anche qui in palestra. Alla quale abbino la piscina. Alle quali abbino una pigrizia smodata che spesso e volentieri mi tiene incollata al divano.
Stavolta, comunque, ho fatto le cose in grande e ho costretto anche la mia metà migliore a impegnarsi nel “progetto fitness”.

Vorrei premettere cFeatured imagehe trovo tuttoquesto terribilmente fastidioso poichè ormai, avendo assunto io stessa le fattezze di un divano, tutto ciò che comporta una deviazione dal percorso studio-cucina mi risulta essere particolarmente gravosa. Il divano del mio cuore non si può definire uno sportivo da competizione e molto probabilmente è per questo che andiamo d’accordo.

Tuttavia la vita in India comporta un dramma catastrofico. La stagione calda inizia a marzo. E questo significa un’anticipazione insostenibile della prova costume. Non essendo consentito uno svolgimento a crocette della suddetta prova, allora palestra. Con moderazione.

La palestra è il luogo dove l’essere umano medio perde la propria dignità. Presentandosi in pubblico con tenute discutibili, l’uomo medio suda, sbuffa, impreca, inizia ad emanare un fetore nauseabondo e diventa di uno strano colorito rossastro, indice di imminente infarto. Noi ci andiamo in orari tattici. Quando non ci vede nessuno.
Ho passato buona parte dell’inverno a decantare le doti della palestra, a quanto ci faceva bene e quanto eravamo dimagriti.
Oggi, ho fatto la prova costume. Mi sono infilata un bikini che non voleva saperne di nascondere prodigiosi maniglioni dell’amore e sono salita su una bilancia.
Dopodichè ho provato l’impulso di buttarmi dalla finestra.
Non solo non si era tonificato nulla ma sono pure ingrassata.

Mando mentalmente al diavolo la palestra e vado in cucina dove trovo un’Arti in perfetta forma, intenta a spignattare.
“Ciao Madame. Ti trovo bene oggi”
“Grazie, avevo bisogno di sentirmelo dire. Cosa stai preparando?”
“Del sugo leggero, per la dieta”
Non potrei chiedere di meglio. Mi avvicino alla pentola del sugo e annuso. Profuma di qualcosa di buono. Guardo e vedo che, nel centro della pentola, galleggia una cosa gialla, delle dimensioni di una pallina da tennis, che si sta sciogliendo pian piano.
“Arti, ma cos’è questa roba che galleggia nel sugo?”
“Oh. Madame mi hai detto che non devo usare l’olio. Allora ci ho messo il burro. Altrimenti il sugo dietetico non sa di niente”
Rimango in silenzio e vado nello studio a fare una telefonata.

“Senti, stasera andiamo in palestra?”
“Torno tardi dal lavoro…”
“Pazienza, ci andiamo lo stesso. Poi ti spiego.”

Una cosa che ho imparato oggi è che la palestra non serve per la prova costume. La palestra serve per sopravvivere al sugo dietetico.

Lady B.

Annunci

One response to “Il sugo dietetico

  • mrspaltrow

    ah ah! gli uomini mi fanno morire! Pure il mio se si scofana un’insalatona con ogni ben di dio e 3 litri di olio mi dice”Amo, ho mangiato solo un’insalatina per pranzo!! “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: