Il sacrificio di una madre

Oggi mi sono resa colpevole di una brutta cosa. Ho utilizzato il buon nome di una persona per raggiungere un mio meschinissimo fine.

Ma andiamo con ordine.

Sono circa due anni che provo a spiegare ad Arti che “fritto” è buono. Ma anche “fritto” tutti i giorni è l’anticamera della morte. O quantomeno dFeatured imagei un grosso problema di colesterolo. E veramente ho usato tutti gli espedienti. La mia dieta (mai fatta una dieta in vita mia, ma tentavo di indurla in inganno), la dieta della mia metà migliore, il cambio di stagione, il “è finito l’olio per sempre perchè sono morti tutti gli ulivi del mondo”. Tutte le ho tentate, ma niente.

“Madame. Te lo dico molto chiaramente. Non approvo che tu voglia mettere Sir a dieta. L’uomo deve mangiare” mi ha detto un giorno, mentre strizzava delle zucchine talmente intrise di burro da essere trasparenti. “Tu puoi pure mangiare un po’ meno, ma Sir deve mangiare”.

E così per due anni la tirannia del fritto ha regnato sovrana. Che poi, mi direte, quale tirannia? Pure i copertoni dei tir se li friggi sono buoni. Chiaro, ma non con 50 gradi.
Ad ogni modo, questa tirannia ha comportato un’eccedenza di maniglie sui miei fianchi che, per diversi lustri, avevo tenuto in forma. Il che mi porta ad assomigliare sempre di più ad un tricheco, oltre al fatto che siamo prossimi all’estate e vedere tutta questa gente magra, in forma e fitness dipendente mi crea dei grossi scompensi.

L’altro giorno cerco di impormi. “Arti. Stasera per favore non prepararci nulla. Se vuoi, giusto due patate bollite e dei fagiolini” “Si Madame” mi risponde. Laconica. Sento tutta la sua disapprovazione sul mio collo ma decido di non soprassedere.
Dopo 15 minuti mi chiama. “Madame. Le patate bollite fanno schifo. Ho fatto un purè e dentro ci ho messo i fagiolini” fa una pausa e mi indica poi il lato sinistro della teglia dove troneggiano almeno 4 chili di purè. “Questo qui è il tuo lato.”
Ciò detto se ne va. E io sottovaluto l’importanza dell’indicazione geografica della mia cena.
La sera mi preparo a servire questo purè e per caso noto una strana escrescenza sul lato destro della teglia. Il lato della mia metà migliore. Scosto un po’ di patate e scopro, con raccapriccio, che sotto un sottile strato di tubero spiaccicato riposa una pallottola di burro del diametro di 6 centimetri.
Un evidente omaggio di Arti ai trigliceridi dell’amata metà.

La mia tecnica aveva palesemente fallito.

Oggi Arti è entrata in casa brandendo un bottiglione di olio. Ci salutiamo con il consueto affetto per quanto noti l’assenza di Chander, il marito. Ma non ho tempo di chiederle spiegazioni perchè devo mettere assolutamente in pratica il mio piano B.

“Arti, che ne dici se preparassimo delle melanzane grigliate per cena?” “Certo Madame!” dice, iniziando a coprire di olio il grill. “No, aspetta. Sai, ho sentito la mamma di Sir prima.” Si immobilizza. “Abbiamo parlato a lungo di melanzane grigliate e lei mi ha detto che non sarebbe contenta se venissero preparate usando l’olio.”
L’ho sconfitta. Perchè in India puoi pure essere il primo ministro in persona, ma se tua madre non approva qualcosa stai pur certo che non hai scampo. Figuriamoci se a non approvare è la madre del tuo principale.
E’ molto avvilita. Scola l’olio dal grill. “Ma devo anche asciugare queste goccioline?” mi chiede “Si. Rispondo gravemente “E’ la madre di Sir a chiederlo”.
Mi sento terribilmente vigliacca e sono certa che alla madre della mia metà migliore stiano fischiando le orecchie ma non c’era scelta. L’ho dovuta sacrificare sull’altare dell’unto.

Dopo qualche ora mi si avvicina, guardandomi di sottecchi. “Madame…ma non è che questa è tutta una menzogna? Dio ti vede se menti. Non è che vuoi mettere Sir a dieta?” “Chi io?” rispondo, senza aggiungere altro, tante volte venissi fulminata da qualche divinità protettrice del fritto.
Aggiunge con fare desolato “Sai Madame. Questi uomini sono una mezza fregatura. Non durano niente. Oggi Chander non è venuto perchè gli hanno chiuso una mano in una porta blindata. Io ho partorito due figli e non ho protestato. Lui si schiaccia una mano e fa tutte queste lagne.”

E così se ne va, lasciandomi vagolare in una mare di pensieri unti

Lady B.

Annunci

2 responses to “Il sacrificio di una madre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: