Archivi tag: problemi

Un uomo perbene

“Madame. Si sono bloccati tutti gli scarichi di tutti i bagni; il tubo del lavello della cucina si è rotto, la grondaia perde e i piccioni hanno riempito di cacca il terrazzo”.

E tutto questo non contribuisce al mio buon umore.

“Ma com’è possibile che sia accaduto tutto insieme?”
“Eh, Madame. È il changing weather”

Secondo Arti, Satish e forse pure secondo Chander (ma non lo sapremo mai con certezza perchè si ostina a non parlare)a ridosso del cambio di stagione, tutto ciò che è inanimato dà avvio a un processo di autodistruzione. E questo processo, che può interessare l’impianto elettrico, quello idraulico e quello di aria condizionata o anche tutte e tre le cose insieme, si abbatte sulla casa con conseguenze devastanti.

Ad esempio, in questo momento dagli scarichi dei bagni esce di tutto e la cucina è completamente allagata.

“Ma Arti non avevamo fatto sistemare tutto al signor Subash?”
“Il signor Subash è un idiota”

E in effetti questo signor Subash, una specie di tuttofare che non faceva mai niente, aveva dato prova di non essere molto brillante già in passato. Quando, a fronte del distacco dal muro dello scarico del lavello della cucina, invece di comprare una comoda guarnizione e di usare un po’ di silicone, aveva pensato bene di riparare il tutto con lo scotch. Una riparazione che è durata una settimana perchè lo scotch e l’acqua non vanno evidentemente molto d’accordo.

“Madame, forse è il caso di chiamare Kewal.”

Kewal è una specie di figura mitologica. Un idraulico che, all’occorrenza, è anche spazzacamino e muratore. Il signor Wolf indiano. Lui risolve i problemi, tutti.

“Il signor Kewal non ha mai tempo Arti, lo chiamano da tutte le parti. Non verrà mai.”
“Proviamo Madame.”

E niente. Il signor Kewal aveva giusto 10 minuti da dedicarci intorno alle 11.30 perchè poi doveva andare a sistemare gli scarichi di altre 800 famiglie.
Non sto nella pelle.
Il signor Kewal ha anche un’altra caratteristica. È puntuale.
Alle 11.29 mi chiama

“Madame, sono sotto casa tua. Potrei salire?”

Si! Sali!

Il signor Kewal è alto 1 metro e 50, forse. Ha due baffoni giganteschi e sorride sempre.
Cerco di spiegargli il problema ma mi ferma. Lui non vuole spiegazioni. Vuole vedere tutti i bagni e non vuole che mi metta in mezzo.

Mi chiudo nella mia stanza e tempo un’ora si compie il miracolo. Kewal ha aggiustato tutto.

“Madame, la prossima volta magari non riparare le tubature con lo scotch”
“Ma è stato il tuo collega, il signor Subash, a fare questo pasticcio.”
“Ah.”

Silenzio. Kewal non riesce a nascondere il disappunto: ci sono degli idraulici che davvero non mettono passione nel loro lavoro e fanno tutto per soldi.

“Va bene Madame. Allora non mi devi pagare per il lavoro di sostituzione del tubo. È un risarcimento perchè ti hanno truffata e così facendo hanno infangato la categoria.”

Il signor Kewal. Un uomo perbene e tutto d’un pezzo.

Lady B.